La pera coscia, “un frutto antico” e ottimo

Una delle principali coltivazioni presenti nella nostra azienda è la pera coscia, una varietà del Pyrus communis, cultivar tipicamente italiana di dimensioni medio piccole.
La polpa bianca della pera coscia, fondente, succosa e di consistenza leggermente granulosa, ha sapore dolce e delicato, ottima gustata in abbinamento a formaggi semistagionati e piccanti. La buccia è sottile, di colore verde chiaro uniforme che, quando sono completamente mature, vira al giallo pallido, con screziature rosate – la cosiddetta “faccina” – sulla parte più esposta al sole.
In Italia, le pere coscia più rinomate sono quelle provenienti dalla Sicilia, la nostra terra, e quelle toscane chiamate anche “aretine”.
Si tratta di una varietà di pera precoce, tipica dell’estate: viene raccolta a partire da luglio e commercializzata fino a ottobre. Poiché sono molto delicate, le pere coscia vengono in genere raccolte acerbe. Il consiglio è di acquistarle rigorosamente biologiche e conservarle qualche giorno in un sacchetto di carta, consumandole al raggiungimento della maturazione ideale.
Nel corso dei secoli la coltivazione di questa varietà è andata via via diminuendo, tanto che oggi è considerata un frutto antico, ma ottimo, come dimostrano le caratteristiche organolettiche di seguito riportate.

Composizione chimica per 100gr di pera coscia
Parte edibile (%): 84
Acqua (g): 87.4
Proteine (g): 0.3
Lipidi(g): 0.1
Colesterolo (mg): 0
Carboidrati disponibili (g): 8.8
Amido (g): 0
Zuccheri solubili (g): 8.8
Fibra totale (g): 3.8

T.C.

Condividi:

Spread the word. Share this post!

About the author

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *